• Psicologia del Benessere


L' OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) parla di BENESSERE PSICOLOGICO come di quello stato nel quale l'individuo è in grado di sfruttare le sue capacità cognitive ed emozionali, per rispondere alle esigenze quotidiane della vita di ogni giorno, stabilire relazioni soddisfacenti con gli altri, adattandosi costruttivamente alle condizioni esterne e ai conflitti interni.

La Psicologia del Benessere si occupa di questo. Cerca di incrementare il benessere dell'individuo attraverso la promozione della Crescita Personale e l'acquisizione di un Miglior Equilibrio nella gestione della vita quotidiana. E' rivolta al miglioramento delle condizioni psicofisiche della persona senza particolari difficoltà e non si occupa della patologia. Si occupa anche delle problematiche legate alle fasi del "ciclo di vita" (ovvero tutti i momenti significativi nello sviluppo della persona, dall'infanzia alla vecchiaia), intendendo il cambiamento, che così spesso ci spaventa, come portatore di opportunità.

La consulenza può riguardare:
- Valutazione della Qualità di Vita e del Benessere Psicofisico reale e percepito;
- Tecniche di Rilassamento e Gestione dello Stress (visualizzazioni, esercizi di respirazione consapevole, rilassamento muscolare progressivo di Jacobson), molto utili nel caso di disturbi psicosomatici (per esempio: mal di testa, insonnia, problemi digestivi, gastrite, e tutti i disturbi legati a un accumulo di stress), ma anche utilissime per ritrovare il proprio equilibrio e il proprio benessere;
-
Sedute individuali di Training Autogeno;
- Programma di cambiamento delle abitudini di vita all'interno di un percorso di prevenzione psicologica e promozione di un corretto stile di vita (es. contrasto al tabagismo, controllo del peso, etc..);
- Gestione delle Emozioni e Crescita Personale (percorsi individuali e di gruppo per l'aumento dell'autostima, dell'auto efficacia, per l'apprendimento di una comunicazione efficace e consapevole).

• Consulenza e Sostegno Psicologico Individuale, di Coppia e Familiare


La consulenza e il sostegno psicologico riguardano interventi sulle difficoltà che un singolo, una coppia o una famiglia possono incontrare nel percorso di vita. Si tratta di difficoltà temporanee, disturbi di lieve entità o difficoltà nelle relazioni.

La consulenza psicologica può riguardare:
- Difficoltà Temporanee del singolo, della coppia o della famiglia;
- Fasi di Passaggio della Vita (momenti particolari e significativi nella vita del singolo o del gruppo famigliare: matrimonio, nascita di un figlio, menopausa, pensione, etc..);
- Separazione e Mediazione Famigliare;
- Sostegno alla Genitorialità (difficoltà nella relazione fra genitore e figlio, problematiche psico-educative, bisogni, ruolo e responsabilità del genitore);
- Sostegno in caso di Malattia cronica o acuta, al paziente e ai famigliari.

• Psicologia Scolastica


La Psicologia Scolastica è quella parte della psicologia che si occupa di erogare servizi psicologici a favore di bambini e adolescenti nell'ambito della scuola. Si concentra sugli aspetti rilevanti per la loro crescita e il loro sviluppo, sulle problematiche legate alla scuola intesa come ambiente didattico, ma anche relazionale.

Vengono utilizzate varie forme di intervento con il fine di contribuire a promuovere lo sviluppo, di facilitare l'acquisizione e il migliore utilizzo delle risorse personali e scolastiche, nonché di ridurre al minimo le difficoltà e i problemi psicologici.

Si occupa inoltre di affiancare insegnanti e genitori.

La consulenza può riguardare:
- Valutazione di situazioni di disagio scolastico (es. sofferenza nel momento del distacco dal genitore; problemi di apprendimento, motivazione allo studio e rendimento scolastico; episodi di bullismo e difficoltà nella relazione con il gruppo dei pari, necessità di un ri-orientamento scolastico);
- Progetti d'intervento presso strutture scolastiche rivolti al singolo o al gruppo classe.
Sono possibili interventi di carattere preventivo (es. progetti di apprendimento cooperativo, educazione sentimentale, educazione sessuale, comunicazione assertiva, metodo di studio, etc..) volti a migliorare il clima di classe e a fornire agli studenti abilità sociali e relazionali sempre maggiori. Sono possibili anche interventi mirati alla risoluzione di problemi specifici, segnalati da insegnanti o genitori, che coinvolgano un singolo allievo, la classe nel suo complesso o solo parte di essa;
- Colloqui di sostegno a genitori e insegnanti;
Per gli insegnanti:
- Formazione sulla valutazione, analisi e gestione dei comportamenti problematici di singoli alunni o gruppi estesi. Dopo un primo momento di spiegazione teorica inerente le corrette modalità di osservazione dei comportamenti e di analisi degli stessi, gli insegnanti saranno affiancati nell'applicazione delle strategie d'intervento più efficaci sino alla completa autonomia di gestione;
- Sostegno in caso di Burnout educativo.

E' possibile attivare presso le scuole gli Sportelli d'ascolto, servizi rivolti  sia agli alunni, che ai genitori e agli insegnanti. L'accesso è spontaneo e l'intervento si concentra in pochi incontri in quanto l'obiettivo non è terapeutico, ma di prevenzione delle difficoltà psicologiche e di risposta a difficoltà evolutive, relazionali e fisiologiche che emergono nella quotidianità.

• Psicologia dell'Educazione in ambito famigliare


La Psicologia dell'Educazione in ambito famigliare si occupa in modo mirato di affiancare i genitori nel loro difficile compito di educatori.
Cosa vuol dire educare un figlio? I dubbi sono tanti, il desiderio di fare bene è alto, il contesto socio culturale in pochi decenni è cambiato radicalmente e i genitori di oggi si trovano disorientati.
Cosa vuol dire essere un bravo genitore? Quali sono i reali bisogni di un bambino?
Educare un figlio non vuol dire scrivere su un foglio bianco, e nemmeno creare una persona che ci somiglia.
Educare vuol dire aiutare il proprio figlio a esprimere sé stesso, nel rispetto suo e degli altri, conoscersi e accettarsi per "tirare fuori" al meglio la sua natura, le capacità e particolarità che lo rendono unico. Facile a dirsi, arduo farlo e farlo ogni giorno.
La conoscenza di nozioni e l'utilizzo di strumenti mirati possono migliorare notevolmente l'atmosfera famigliare!

La consulenza psicologica può riguardare:
- Capricci: riconoscerli e gestirli, comprendere ciò che stanno comunicando per far sì che non abbiano più una loro utilità e quindi che non si ripresentino;
- Emozioni: capirle per imparare ad esprimerle nel modo migliore;
- Bisogni: dei figli, ma anche dei genitori;
- Difficoltà di relazione con i figli (in età scolare o adolescenti).